Venues

Teatro Sociale

Il fascino di questo luogo non è legato solamente alla bellezza di un "vero" teatro, ma in gran parte alle suggestioni che riesce ad evocare grazie alla sua storia che comincia il 29 maggio 1819 con la messa in scena di "La Cenerentola" di Gioachino Rossini. Il teatro si chiamava Teatro Mazzurana, dal nome di Felice Mazzurana, promotore della costruzione e primo proprietario. Nel 1835 l'imprenditore-caffettiere cedette la proprietà ed il Teatro cambiò nome in Teatro Sociale, gestito dalla Società del Teatro. Nella Trento ottocentesca, il Teatro Sociale fu motore di un'intensa attività culturale, ospitando un cartellone che andava dalla stagione lirica a quella di prosa, dalla danza alla musica classica, ma fu anche utilizzato per comizi politici, veglioni, spettacoli di magia. Vi si scrissero pagine di storia: nel 1893 ci fu la seconda rappresentazione assoluta di Manon Lescaut con in sala Giacomo Puccini, nel 1895 e 1896 sul podio salì Arturo Toscanini, nel 1898 vi cantò Enrico Caruso. La Società del Teatro ebbe vita travagliata e dopo 102 anni cessò di esistere. Il Teatro fu venduto a privati e la programmazione fu in seguito imperniata sul cinema ma ospitò ancora spettacoli di prosa e lirica fino agli anni '60. Nel 1983 i proprietari chiusero definitivamente la sala. Nel 1984 l'immobile fu acquistato dalla Provincia autonoma di Trento. Dopo importanti lavori di restauro il 22 giugno 2000 è stato restituito alla città. La porta principale dello stabile presenta apertura manuale in entrambe i sensi, è larga 100 cm e alta 108cm; per aprirla è necessaria la forza di 3kg. La Platea, tre piani di palchi e il loggione oltre a 3 sale utilizzabili per riunioni e convegni, lo rendono una struttura poliedrica adatta a qualsiasi tipo di rappresentazione o evento. E' percorribile lungo tutto il perimetro con posti riservati alle persone disabili nelle prime file. L'ascensore (larghezza porta: 100cm, dimensioni 150x180 cm) permette di arrivare alla sala Volkenstein e a Palazzo Festi; il palco è raggiungibile con un gradino dal retro dell'edificio. Al piano terra, si trovano i servizi igienici dotati di maniglioni di sostegno su entrambe i lati del wc (larghezza porta 93 cm; dimensioni interne 280x200 cm, alto 50 cm). Parcheggio riservato a persone con disabilità dislocato a 50 metri dal teatro lungo via Manci.

Address

Via Paolo Oss Mazzurana, 19 Trento, TN Italy

46.0691886 11.122512799999981

Events

30 17:00

Sustainable austerity

coodinated by Ferdinando Giugliano How virtuous must a country with a high level of debt like Italy be in terms of fiscal policy? What represents a dangerous level of public debt? What can a government do to fight economic stagnation?
30 21:00

Dangerous Liaisons. The State and globalisation from Parliament to the web

interviewers Annalisa Cuzzocrea and Pietro Del Soldà Do national states make use of of globalisation, or does the latter constrain them? In the last thirty years, the relations between national political institutions, the machinery of the state...
31 21:00

European voices. an evening dedicated to Antonio Megalizzi

coordinated by Eric Jozsef speaker: Andrea Fracasso Without public support at European level it is difficult to imagine political union. To create it, exchanges between national media are necessary, along with the creation of places for the...
01 14:30

The war against debt

coordinated by Dino Pesole Everyone seems to agree that high public debt is a weakness of the Italian economy and must be reduced … but how should this be achieved? A discussion with representatives from the main political forces in our country
01 21:00

Liberal democracy or dictatorship of the majority?

interviewers: Enrico Franceschini, Tim Hames Squeezed between the rise of autocracies and the wave of populism, liberal democracy seems to be in a crisis. Will the "worst kind of government, except for all the others", as Churchill called it, be...
02 10:30

The failure of the left

introduced by Massimo Mazzalai Why has the working class all over the West moved politically to the right? The opening up of markets, a multi-ethnic society, technological revolutions, foreign and budgetary constraints: the reasons behind the...
02 15:30

State, market and local communities

introduced by Tito Boeri The interaction between state, market and local communities is fundamental in the functioning of a democracy. What happens when globalisation leads to the prevalence of the state and market over local communities? What can...